mercoledì 31 luglio 2013

Che ci faceva l’altra notte l’esercito al sito di scorie nucleari in Basilicata?

Pubblicato su Azione Civile (leggi articolo originale)


C’una zona della nostra Italia, in Basilicata, che da decenni è considerata la pattumiera degli Stati Uniti. Ma non una pattumiera qualsiasi. Nella località di Trisaia, nel comune di Rotondella, in provincia di Matera, in un centro costruito nella seconda metà degli anni 70, il Cnen (comitato per l’energia nucleare) ha costruito un centro di smaltimento dei rifiuti radioattivi. Il primo carico ad arrivare fu di 84 elementi di combustibile irraggiato uranio-torio dal reattore sperimentale di Elk River, nel Minnesota.

Qualche anno dopo, nel 2003, l’allora governo Berlusconi decise di fare di Scanzano Jonico, distante circa una decina di chilometri da Rotondella, una delle sedi nazionali per la raccolta di rifiuti radioattivi: uno straordinario movimento di rivolta popolare fece allora cambiare idea al Governo.
Ma restava il problema di Rotondella, diventato in quello stesso anno di proprietà della Sogin che aveva il compito di realizzare la bonifica del sito. Negli ultimi anni, però, strani movimenti hanno caratterizzato la vita del centro Itrec e, nonostante le rassicurazioni della Sogin, quello che avviene all’interno dell’impianto è avvolto dal più assoluto riserbo, nella preoccupazione della popolazione e nel silenzio assordante delle istituzioni. Non solo: le analisi del suolo e dell’aria compiute da organismi indipendenti negli ultimi anni indicano una situazione allarmante per la salute dei cittadni.
Che ci sia del marcio in Danimarca abbiamo avuto la riprova la notte scorsa quando un imponente spiegamento di forze militari ha fatto da contorno a strani spostamenti dall’area Itrec all’aeroporto militare di Gioia del Colle, senza che ne sapessero nulla, almeno a sentire le dichiarazioni, Regione, Provincia e comuni interessati.
Cosa ci faceva un numero così alto di componenti delle forze dell’ordine lì e perché? C’era qualcosa che veniva spostato dal centro o che veniva portato? Cosa succede da anni al centro Itrec e perché i governi che si sono succeduti non hanno mai dato risposte chiare e trasparenti?
Sulla pelle delle persone non si gioca. Non sono pregiudizialmente contrario a siti di questo tipo che purtroppo da qualche parte vanno anche collocati perché, anche in Italia di scorie tossiche ve ne sono, ma tutto deve essere fatto alla luce del sole, in massima sicurezza e con il consenso dei cittadini i quali devono gestire il controllo dell’ambiente circostante e devono avere l’ultima parola ogni qual volta anche un solo dato delle analisi periodiche sia fuori norma.
Antonio Ingroia

1 commenti:

  1. Articolo inutile e assolutamente non circostanziato. Complimenti.

    RispondiElimina